Risarcimento per volo cancellato

Risarcimento per volo cancellato

Ai sensi del regolamento (CE) 261/2004 i passeggeri aerei hanno diritto a un risarcimento per volo cancellato o in ritardo o per suo overbooking. Il risarcimento é compreso tra 125 euro e 600 euro a persona (a prescindere dal prezzo del biglietto pagato) nel caso di cancellazione, ritardo o overbooking del volo fino a tre anni prima. Tale risarcimento é determinato dalla lunghezza del volo, durata del ritardo e circostanze legate alla sua cancellazione o overbooking.

Fatte salve le norme in materia di risarcimento stabilite nel regolamento (CE) 261/2004, l’esperienza più comune è che le compagnie aeree rifiutano spesso le richieste di risarcimento presentate dai passeggeri. Così facendo, negano ai passeggeri l’indennizzo a cui hanno diritto per motivi inconsistenti.

La maggior parte dei passeggeri ritiene di non possedere le conoscenze e l’esperienza necessarie per esigere correttamente la propria richiesta, soprattutto quando si tratta di circostanze che riguardano la cancellazione o il ritardo. Di conseguenza, non sono in grado di verificare i casi in cui le compagnie aeree sollevano una difesa basata su “circostanze straordinarie” o “misure ragionevoli”. I sondaggi indicano che i consumatori sarebbero maggiormente disposti a difendere i propri diritti davanti a un tribunale se potessero unire le forze con altri consumatori.

Per ottenere un risarcimento dalla compagnia aerea, la cancellazione o il ritardo del volo devono soddisfare uno dei seguenti criteri specifici:

  • Il volo deve essere gestito da una compagnia aerea regolamentata dall’UE. Con ciò si intende sia il caso in cui il passeggero parta da un qualsiasi aeroporto all’interno dell’UE o che voli verso l’Europa con una compagnia con sede legale in UE.
  • Sia la distanza del volo che l’entità del ritardo hanno effetti sull’importo del risarcimento che i passeggeri potrebbero rivendicare, oscillando tra 125 e 600 euro a persona. Come linee guida di base:
  1.  i voli inferiori a 1.500 km con un ritardo di 2 ore o più hanno diritto a 250 euro;
  2.  i voli tra 1.500 km e 3.500 km con un ritardo di almeno 3 ore possono ricevere fino a 400 euro;
  3.  i voli di 3.500 chilometri o più e con un tempo di attesa di 4 ore possono richiedere fino a 600 euro;
  4. i ritardi di durata superiore a 5 ore danno ai passeggeri la possibilità di recedere dal volo e di essere riportati alla loro destinazione originaria.

Se rientrate in uno di questi parametri, sul sito di Flightright è presente un calcolatore del risarcimento gratuito ti permette di controllare i voli e di calcolare il livello di risarcimento in pochi minuti!

Commenti

commenti