Al di là dei confini (di Erich Follath)

Al di là dei confini (di Erich Follath)

AL DI LA DEI CONFINI
di Erich Follath
Ed. Einaudi

Seppur meno noto del suo quasi contemporaneo Marco Polo, Ibn Battuta non solo fu un gran avventuriero e viaggiatore ma esplorò gran parte del mondo allora conosciuto e percorse molta più strada di quanta ne avesse fatta Marco Polo. In un viaggio durato circa trent’anni, nel XIV secolo, Ibn Battuta, si spinse dalla sua città natale di Tangeri, inizialmente fino a La Mecca e poi, dapprima lungo le coste dell’Africa orientale fino a Zanzibar e, in seguito, risalendo a nord in Crimea, Samarcanda, India, Indonesia fino ad arrivare in Cina. Le cronache di questo lungo ed incredibile viaggio intrapreso dall’esploratore marocchino sono contenute in un lungo resoconto commissionatogli, al suo rientro in patria, dal governatore del Marocco. L’opera é semplicemente nota come Rihla (I viaggi, tradotto dall’arabo). Settecento anni dopo l’affermato giornalista tedesco Erich Follath ha voluto percorrere parte dell’itinerario di Ibn Battuta soffermandosi in tredici città fondamentali toccate anche dal viaggiatore arabo: La Mecca, Samarcanda, Shiraz, Giacarta, le Maldive, Delhi, Hangzhou e altre ancora. Nei luoghi visitati, Follath intervista scrittori, artisti, politici e, soffermandosi a parlare con la gente comune in strada, traccia, con evidenza impressionante, la situazione sociale e politica del mondo islamico odierno, sottolineandone i problemi, le lotte e le sfide per il futuro. Al di là dei confini é un libro nato da un viaggio durato un anno in città antiche (Shiraz e Samarcanda) o proiettate nel futuro (Dubai o Hangzhou). Ogni capitolo del libro é riservato ad una città visitata prima con gli occhi di Ibn Battuta, seguendo il contenuto del suo libro, e poi con quelli di Erich Follath, settecento anni più tardi. Il libro é un’inchiesta che oscilla tra passato e presente ed un’occasione preziosa per aiutarci a capire meglio le mille sfaccettature del mondo islamico di oggi attraverso un viaggio che si annuncia affascinante fin dalle prime pagine.

Commenti

commenti