Cerca nel sito

chi sono

stefano politi markovina

Benvenuti nel sito personale di Stefano, web designer, fotografo freelancer per celebri agenzie fotografiche internazionali quali ALAMY e GETTY IMAGES, organizzatore di workshop fotografici a Barcellona ma soprattutto viaggiatore. Fin dal 2000 BACKPACKER.it ospita i racconti, le emozioni, i ricordi e le immagini dei suoi viaggi in una sessantina di paesi del nostro pianeta, oltre ad una sezione dedicata alla narrativa e agli articoli di viaggio, una guida ai siti utili per organizzare al meglio un viaggio con lo spirito da backpacker e tutto ciò che può incantare un viaggiatore con zaino in spalla. Buona navigazione!

Chi è Stefano

aforismi sul viaggiare

La terra è stata fatta rotonda affinché non potessimo guardare troppo lontano sulla nostra strada.
-Karen Blixen

Pannello utente

statistiche



LA LEGGENDA DEI MONTI NAVIGANTI (di Paolo Rumiz)

La leggenda dei monti naviganti (di Paolo Rumiz)

LA LEGGENDA DEI MONTI NAVIGANTI
di Paolo Rumiz
ed. Feltrinelli

Cronaca di un viaggio straordinario rigorosamente italiano (con qualche sconfinamento) attraverso le Alpi che proteggono la nostra penisola a nord e gli Appennini che ne incidono longitudinalmente il paesaggio e la storia come una lunga cerniera fino alle porte dell’Africa. Paolo Rumiz, grande giornalista e scrittore, ha dedicato in questi ultimi anni anima e cuore a queste due leggendarie catene montuose che dovrebebro appartenerci maggiormente e che dovremmo imparare ad amare e rispettare di più. Ha attraversato con ogni mezzo i paesaggi e le culture più diverse e variopinte delle Alpi ora a piedi su sentieri di alta quota, ora a bordo di puntuali e lindi trenini svizzeri o su fatiscenti carrozze delle nostre ferrovie o in sella alla sua fida bicicletta, partendo dai pressi della costa dalmata per ritrovare alla fine del viaggio di nuovo il mare a Nizza.
Nel lungo cammino ha attraversato valli strette e profonde prive di energia elettrica, esplorato interminabili tunnel ferroviari in costruzione, incontrato l’orso bruno in Trentino, bracconieri, bivacchi e personaggi curiosi restituiti da un lontano passato, si è inchinato dinanzi alla saggezza di personaggi quali Mario Rigoni Stern, Ryszard Kapuscinski e Walter Bonatti, ha riportato alla luce l’immane tragedia dimenticata (una delle tante alle quali siamo abituati in Italia) della diga del Vajont, indagato sul giallo della mummia di Ötzi.
La seconda parte del libro è la cronaca del suo viaggio compiuto nella primavera del 2006 a bordo di una Topolino d’epoca lungo le strade secondarie che attraversano l’Italia dimenticata e spopolata degli Appenini, dalla riviera di ponente fino a Capo Sud, in Calabria. Migliaia di chilometri fatti di asfalto, paesaggi selvaggi ora spazzati dal vento e dalla pioggia, ora accecati di sole africano, incontri con frati e custodi di luoghi leggendari, musicanti in cerca di radici come Francesco Guccini e Vinicio Capossela, gente umile e piena di cuore e saggi contadini. Un viaggio lungo strade bellissime mai dritte, spesso sconosciute o dimenticate, alla ricerca dell’identità perduta per raccontare un’Italia di montagna trascurata e quasi invisibile che diviene splendido e intenso poema fatto di uomini, storie e luoghi. I nostri.

Segnala o condividi questo articolo

Categorie: libri consigliati, PAROLE E VIAGGI | Nessun Commento »

I commenti sono disabilitati.