Cerca nel sito

chi sono

stefano politi markovina

Benvenuti nel sito personale di Stefano, web designer, fotografo freelancer per celebri agenzie fotografiche internazionali quali ALAMY e GETTY IMAGES, organizzatore di workshop fotografici a Barcellona ma soprattutto viaggiatore. Fin dal 2000 BACKPACKER.it ospita i racconti, le emozioni, i ricordi e le immagini dei suoi viaggi in una sessantina di paesi del nostro pianeta, oltre ad una sezione dedicata alla narrativa e agli articoli di viaggio, una guida ai siti utili per organizzare al meglio un viaggio con lo spirito da backpacker e tutto ciò che può incantare un viaggiatore con zaino in spalla. Buona navigazione!

Chi è Stefano

aforismi sul viaggiare

Girare il mondo significa passare da una provincia all’altra, ognuna delle quali è una solitaria stella a sé stante. Per la maggior parte delle persone che vi abitano il mondo reale finisce sulla soglia di casa, al limite del villaggio, al massimo al conf
-Rysard Kapuscinski

Pannello utente

statistiche



Sant Jordi, una festa di libri e rose a Barcellona

Sant JordiOgni anno a Barcellona e nell’intera Catalogna, il 23 aprile si festeggia, con una straordinaria espressione di cultura popolare, la festa di Sant Jordi, patrono di questa regione autonoma della Spagna. Per l’occasione, molte strade e piazze di Barcellona si riempiono di bancarelle di libri e di rose perché questa festa si celebra donando un libro oppure una rosa ad una persona amata o ad un parente.

Tradizione popolare vuole che Sant Jordi, ovvero San Giorgio, fosse un soldato romano fedele al servizio dell’Imperatore Diocleziano e che fu ucciso per essersi rifiutato di obbedire all’editto imperiale di perseguire i cristiani. La sua venerazione fu accompagnata, successivamente, da storie e leggende che si diffusero in buona parte d’Europa. Quella catalana vuole che in un paese di nome Montblanc vivesse un dragone che terrorizzava gli abitanti, i quali, nel tentativo di placare la sua ira, decisero di sacrificare, periodicamente, una persona sorteggiata tra loro stessi. Un giorno, venne estratta la figlia del Re, che, tuttavia, scampò alla morte grazie all’arrivo di un cavaliere che uccise il dragone, dal cui sangue purpureo nacquero delle rose rosse.

All’antica tradizione catalana, risalente in piena epoca medievale, di regalare rose nel giorno di Sant Jordi, si unì, assai più recentemente, quella di festeggiare la giornata del libro, scegliendo proprio il 23 aprile, data nella quale morirono l’illustre scrittore spagnolo Miguel de Cervantes e il grande William Shakespeare.
Visitare Barcellona in occasione di questa festa, assai sentita dai suoi abitanti, è un’esperienza particolare. Per un’intera giornata, rose e libri si impadroniscono di tutta la città e divengono il più gradito e nobile scambio di doni tra migliaia di bancarelle di strada addobbate a festa.

Segnala o condividi questo articolo

Categorie: I MIEI VIAGGI, tradizioni e curiosità | Nessun Commento »

Commenti